Rituali in maschera per fine d'anno in Romania



Gia la mattina, presto, dei gruppi di persone mascherate e non
si incontrano, e marciano verso il comune, per cantare e fare
auguri al sindaco, dopo di che si ritrovano in centro della città
per cantare, suonare e danzare tutto il giorno, fino a notte fonda.
Uno dei gruppi, ha un "aratro" il simbolo delle feste invernali.
A questa parata ci sono le maschere di ogni genere, orsi, capre,
cavallini, bambini e grandi...anche molto grandi!
Si suona al corno, ai fischietti, ai tamburi grandi o piccoli
e campanelle, per la gioia di tutti.



Qui c'è uno spettacolo di bambini,di una scuola elementare
dove ballano e cantano delle canzoni di augurio. Il loro
vestito rappresenta la maschera del cavallino. Al spettacolo
partecipa sia bambini che i professori. Il costume del cavallino
viene preparato dai genitori e figli, insieme, prima delle feste.



In ogni anno, alle feste invernali si fanno dei concorsi,
tra le città o paesi vicini. La gente mascherata e non solo
marciano per le strade della citta(paese), in ritmo di musica
e canzoni di augurio. A questa parata sono presenti maschere di
ogni tipo: l'orso, la capra, cavallini e altre maschere, sempre
più buffe. Dai più piccoli a quelli più grandi, la gente vive
questi momenti di festa, con grande gioia.



Questo è uno spettacolo di un piccolo paesino del Nord Romania.
Vengono presentate:il giocco della capra, del'orso,
e della gente in maschera.Questa è una tradizione vecchia di
più di 2000 anni. Prima eranno dei rituali pagane, che si facevano
per purificare la terra, e per avere dei raccolti buoni.
Adesso sono delle tradizioni, comiche e buffe,
fatte per divertire la gente alle feste invernali.
La danza della capra è saltellante, cosi come è in realtà
questo animale, nel ritmo del suono di-----.Nella danza e nelle
parole della canzone, viene descritto il momento in cui la capra
si ammala, muore e poi risorge.